sabato 17 giugno 2017

Italian summer - Vacanze in Italia -

Castelnuovo di Porto è una ridente località alle porte di Roma. Oltre la Flaminia, sulla Tiberina che taglia campi di girasole. Qui sono venuti a vivere dalla capitale quelle fasce di lavoratori sempre più impoveriti dalla crisi. Ma abbiamo cominciato a conoscerla di più da quando Papa Francesco è venuto a visitare il CARA, il Centro accoglienza per migranti. Abbiamo assistito alle proteste dei residenti ed anche dei migranti. Parlando nei bar con gli abitanti si intuisce una forte insofferenza nei confronti dei vicini forzati. Parlano volentieri ma non vogliono essere ripresi. - Si viveva bene qui prima che arrivassero loro! -
Perché, cosa è successo 'dopo'?
- Dopo è successo che non siamo più sicuri. Le nostre donne e i nostri bambini hanno paura a circolare per le strade piene di questi negri sfaccendati. Compaiono ovunque con le loro facce che incutono terrore.-
Ma ci sono stati degli episodi che hanno generato questa paura? La maggior parte risponde positivamente però nessuno ricorda un episodio particolare da poter raccontare. Una leggenda metropolitana che si basa più sul sentito dire che si tramanda e 'come una freccia dall'arco scocca vola veloce di bocca in bocca' ......
Così in una mattinata di sole che da man forte ad un caldo torrido che anticipa quello di agosto mi trovo a Castelnuovo di Porto a parlare con gente spaventata più per sentito dire che per dei fatti specifici, un poco come vive ormai questo Paese orfano di una vera informazione, dove le news le puoi inventare ad hoc per colpire ora questo, ora quell'avversario, senza che debba renderne conto a qualcuno.
Un piccolo Paese impaurito che ha paura di perdere la propria civiltà. che poi dove lanascondono questa civiltà? Tra i cumuli di immondizia che abbandonati sui cumuli delle strade?

Nessun commento: