Post

Visualizzazione dei post da Febbraio, 2010

SERGI LOPEZ PRESENTA IL SUO ULTIMO FILM L'AMANTE INGLESE

Immagine
Sergi López al fotocall de presentació de la pel·lícula "L'amant anglès" a Roma, portant la samarreta del seu restaurant obert a Vilanova i la Geltrú, Barcelona.
Sergi Lopez nel photocall di presentazione del film "l'amante inglese" a Roma indossa la t-shirt del suo ristorante aperto a Vilanova i la Geltru, Barcelona, 25 febbraio 2010. © Claudio Peri

EXHIBITION- MOSTRA FOTOGRAFICA

Immagine
Foto di Enzo e Fatma
"Se la guerra è civile" Palermo del 1975 agli anni 90 - Fotografie del gruppo di Informazione Fotografica fondato da Letizia Battaglia.

HOPE

Immagine
Children game in Kabul. © Luciano del Castillo

REFUGEES 2

Immagine
Afghan convoy on the Khandahar road. © Luciano del Castillo

REFUGEES

Immagine
Khyber Pass, Afghanistan. © Luciano del Castillo

SE LA GUERRA E' CIVILE

Immagine
Laboratorio di Informazione Fotografica Members (inizi anni 80'), called "Lens warriors" pose for photographer from left stand: Luciano del Castillo, Paolo and Shobha. Sitting Letizia Battaglia and Franco Zecchin.

Per Letizia Battaglia si tratta di un ritorno tanto inatteso quanto gradito. Sono anni che è assente dalle scene e adesso ritorna a curare dopo anni una mostra nella sua città.

“Se la guerra è civile”. Questo è il titolo della mostra fotografica , mostra appositamente allestita in solidarietà con il Laboratorio Zeta.

Saranno 80 le stampe vintage, stampe che documentano la cronaca di Palermo dal 1975 ai primi anni ’90.

La mostra sarà visitabile fino al 28 febbraio ed ospiterà immagini di Vittorio Aurino, Ernesto Battaglia, Letizia Battaglia, Tony Bono, Maurizio D’Angelo, Luciano Del Castillo, Riccardo Liberati, Salvo Lupo, Eugenio Mangia, Fabio Sgroi, Shobha, Franco Zecchin. Completano la mostra due foto di Giulio Azzarello realizzate nel 2009.

In occasione de…

MISERIA E MISERABILI

Immagine
Brainfinder, Rome, Seagull. © Luciano del Castillo

L'altro giorno mentre passeggiavo per le vie del centro un gruppetto di ragazzotti massimo diciassettenni ha cominciato ad urlare con odio alla volta di un uomo di colore: "Ah ebreo, va a prega' al radam (penso si riferissero al Ramadan) prima che te rimanno ar paese tuo a carci n'culo".....

Per fortuna non credo che l'uomo abbia capito una sola parola della miscela di idiozia uscita da quelle bocche sporche, come si dice la mamma degli idioti è sempre incinta.......

Mi era venuta voglia di andare li a chiedergli se sempre, prima di uscire di casa, scaricavano il cervello nella tazza del cesso, ma ho poi pensato che tuttavia quel gruppetto era una valida rappresentanza del giovanilismo ai tempi della De Filippi.

Non si può dire che fossero ignoranti, conoscevano sia gli ebrei che il "radam" (quindi qualcosa era arrivato anche alla periferia del loro sistema celebrale) avevano distinto un uomo differe…

QUALCOSA DI DIVERSO

Immagine
Luciano's portrait by Pier Paolo Cito/AP in Nablus, West Bank, MO.

SEMPRE PIU' FICTION

Immagine
Rome February 12 , 2010. Sempre più fiction. Ecco un esempio in cui la notizia viene amplificata più della sua portata reale. Quello che vorremmo al posto di quello che è. © Luciano del Castillo

WORLD PRESS PHOTO 2009

Immagine
Il vincitore del WPP del 2010 è' un italiano, Pietro Masturzo per la Reuters, con l'immagine di una donna che urla da un tetto di Teheran durante le proteste di piazza seguite alle elezioni del 12 giugno in Iran. Lo ha reso noto oggi l'organizzazione del premio internazionale che ha base ad Amsterdam. Lo scatto fa parte di una serie di fotografie sui tetti di Teheran, di notte, realizzate durante il tumultuoso periodo postelettorale. Spiegando la motivazione del riconoscimento, i giudici hanno affermato che l'immagine vincitrice racconta "l'inizio di qualcosa, l'inizio di una storia". http://www.worldpressphoto.org/index.php?option=com_photogallery&task=view&id=1715&Itemid=257&bandwidth=high

VIDEO KILLED THE NORMAL LIFE

Immagine
Un monitor per ogni individuo, un individuo ogni granello di sabbia. Maccarese beach, Rome, February.
Si dice che la televisione ammazza i cervelli, in realtà penso che i cervelli determinano l'uso della televisione. La passività totale dell'essere inghiottiti dal rettangolo di fronte rende le persone più mansuete. La televisione è un mezzo dipende come lo usiamo. Internet è un mezzo dipende come lo usiamo. I libri, le automobili.... Si colpevolizza sempre il mezzo perchè non si riesce e non si vuole educare gli altri ad usarlo bene. Poi ci sono i manipolatori, quelli che capiscono in anticipo quanto un mezzo possa essere usato per sottomettere gli altri. I vecchi imbonitori, i viaggiatori di commercio altro non facevano che allucinare le persone, i clienti, i consumatori, consigliando acquisti inutili paese dopo paese, inscenandogli dei veri e propri teatrini. E la gente comprava, comprava, più per vederli ritornare che per la bontà del prodotto.
© Luciano del Castillo

FOTO A CHI TOCCA!

Immagine
Un giornalista fotografo francese, Paris, february 9. Da più di un anno si discute di foto ricatti producendo un immensa confusione su quello che è giornalismo e su quello che è reato. Nei modi più diversi si è detto che un giornalista fotografo risponde all'Ordine delle sue azioni. Altro sono le persone che hanno una macchina fotografica e non sono professionisti riconosciuti o professionisti che sbagliano.

© Luciano del Castillo

STRADE PARALLELE

Immagine
© Luciano del Castillo

TRA DEMONIO E SANTITA' - DAEMON&SAINTHOLY

Immagine
Rio De Janeiro, Favela del Bro. © Luciano del Castillo

BROADCAST YOURSELF

Immagine
East Asia 2003- © Luciano del Castillo

FIAT

Immagine
Roma Concessionaria Fiat Ostiense © US-Pound


Questa mattina in alcune città italiane, i militanti del centro sociale Casa Pound hanno protestato contro la politica dei licenziamenti della Fiat occupandone alcune concessionarie. «Prima fallisce, meglio è. Per tutti» è lo slogan scritto sui volantini lasciati davanti a tutti i punti vendita. E ancora: «Salviamo i lavoratori e la produzione italiana, non la dirigenza Fiat, incapaci avventurieri che amano il profitto e non l'Italia».
Luciano del Castillo