sabato 26 dicembre 2015

Corso di fotografia



venerdì 25 dicembre 2015

Scombussolati alLisbona



Cosa si intende per miglioramento della condizione umana? Qual è la speranza di ognuno di noi? Le innovazioni dove ci stanno portando? Quali strumenti abbiamo per poter ridare voce a quella dignità di comunità, a quei grandi ideali di vita e della politica? E soprattutto: dove stiamo andando? Sono queste le domande che un “comunista ormonale”, un “comunista inconsapevole” e un “cattocomunista di prima generazione”, riunitisi a Lisbona su una delle meravigliose terrazze dell’Alfama, si pongono. Sono profondamente delusi da una democrazia che non è più democrazia, da una classe dirigente, italiana e internazionale, ormai incapace di gestire i cambiamenti degli ultimi decenni. In un mondo in cui le ragioni economiche hanno preso il sopravvento su quelle umane, questi tre “scombussolati” si chiedono quale possa essere il modo attraverso cui affrancarsi dalla “narcosi collettiva odierna”, da un sistema ormai marcio, divenuto insostenibile. E, con tono ironico e provocatorio, auspicano la “costruzione di un nuovo umanesimo” che sia il punto di partenza per un modello alternativo all’attuale capitalismo.

È una “politica della felicità” quella che viene propugnata, in questo dialogo a tre voci che diventa un “tascabile manifesto dello scombussolamento”. Perché siamo tutti, in fondo, un po’ “scombussolati”.

giovedì 10 dicembre 2015


There are weapons that are not seen in the photos and are the most effective: love, altruism, generosity, solidarity. I chose this picture in response to the wishes of Michael Fiore, Italian-American Parliament deputy Republican of Nevada. Weapons from them exposed you can destroy, they do not can expect never destroyed. Happy holidays to all!
Hay armas que no se ven en las fotos y son los más eficaces: el amor, el altruismo, la generosidad, la solidaridad. Elegí esta imagen en respuesta a los deseos de Michael Fiore, italoamericano Parlamento el diputado republicano de Nevada. Armas de los expuso puedes destruir, no pueden esperar que nunca destruida. Felices fiestas a todos!
Il ya des armes qui ne sont pas visibles dans les photos et sont les plus efficaces: l'amour, l'altruisme, la générosité, la solidarité. Je choisis cette image en réponse aux souhaits de Michael Fiore, italo-américain Parlement député républicain du Nevada. Armes de les exposait vous pouvez détruire, ils ne peuvent se attendre jamais détruit. Bonnes vacances à tous!
هناك الأسلحة التي لا ينظر في الصور وهي الأكثر فعالية: الحب والإيثار والكرم والتضامن. اخترت هذه الصورة في استجابة لرغبات مايكل فيوري، الإيطالية-الأمريكية البرلمان النائب الجمهوري عن ولاية نيفادا. أسلحة من يعرضهم يمكنك تدمير، فإنها لا يمكن أن نتوقع دمرت أبدا. أعيادا سعيدة للجميع!
Есть оружие, которое не видно на фотографиях, и являются наиболее эффективными: любовь, альтруизм, щедрость, солидарность. Я выбрал эту фотографию в ответ на пожелания Майкл Фиоре, итало-американской парламента заместитель республиканец Невада. Оружие из них подвергаются можно уничтожить, они не могут ожидать не разрушается. Счастливые праздники всем!

mercoledì 9 dicembre 2015

Scombussolati alLisbona

“Scombussolati alLisbona. Riflessioni controvento” di Francesco Anzalone, Fabio Marino e Antonio Riolo, mandato in questi giorni in libreria dalla casa editrice La Zisa, sarà presentato giovedì 17 dicembre, alle ore 17 e30, presso le ex Scuderie Palazzo Cefala', vicolo Sciara, angolo via Alloro, a Palermo. Oltre agli autori - Francesco Anzalone, Fabio Marino e Antonio Riolo - saranno presenti l'editore Davide Romano e la fotografa Daniela Aronica che hanno condiviso sciaguratamente lo spirito del manuale sullo scombussolamento. 

In libreria il saggio di Francesco Anzalone, Fabio Marino, Antonio Riolo, “Scombussolati alLisbona.Riflessioni controvento” Edizioni La Zisa, pp. 80, euro 10,00

Cosa si intende per miglioramento della condizione umana? Qual è la speranza di ognuno di noi? Le innovazioni dove ci stanno portando? Quali strumenti abbiamo per poter ridare voce a quella dignità di comunità, a quei grandi ideali di vita e della politica? E soprattutto: dove stiamo andando? Sono queste le domande che un “comunista ormonale”, un “comunista inconsapevole” e un “cattocomunista di prima generazione”, riunitisi a Lisbona su una delle meravigliose terrazze dell’Alfama, si pongono. Sono profondamente delusi da una democrazia che non è più democrazia, da una classe dirigente, italiana e internazionale, ormai incapace di gestire i cambiamenti degli ultimi decenni. In un mondo in cui le ragioni economiche hanno preso il sopravvento su quelle umane, questi tre “scombussolati” si chiedono quale possa essere il modo attraverso cui affrancarsi dalla “narcosi collettiva odierna”, da un sistema ormai marcio, divenuto insostenibile. E, con tono ironico e provocatorio, auspicano la “costruzione di un nuovo umanesimo” che sia il punto di partenza per un modello alternativo all’attuale capitalismo.
È una “politica della felicità” quella che viene propugnata, in questo dialogo a tre voci che diventa un “tascabile manifesto dello scombussolamento”. Perché siamo tutti, in fondo, un
po’ “scombussolati”.