venerdì 25 dicembre 2015

Scombussolati alLisbona



Cosa si intende per miglioramento della condizione umana? Qual è la speranza di ognuno di noi? Le innovazioni dove ci stanno portando? Quali strumenti abbiamo per poter ridare voce a quella dignità di comunità, a quei grandi ideali di vita e della politica? E soprattutto: dove stiamo andando? Sono queste le domande che un “comunista ormonale”, un “comunista inconsapevole” e un “cattocomunista di prima generazione”, riunitisi a Lisbona su una delle meravigliose terrazze dell’Alfama, si pongono. Sono profondamente delusi da una democrazia che non è più democrazia, da una classe dirigente, italiana e internazionale, ormai incapace di gestire i cambiamenti degli ultimi decenni. In un mondo in cui le ragioni economiche hanno preso il sopravvento su quelle umane, questi tre “scombussolati” si chiedono quale possa essere il modo attraverso cui affrancarsi dalla “narcosi collettiva odierna”, da un sistema ormai marcio, divenuto insostenibile. E, con tono ironico e provocatorio, auspicano la “costruzione di un nuovo umanesimo” che sia il punto di partenza per un modello alternativo all’attuale capitalismo.

È una “politica della felicità” quella che viene propugnata, in questo dialogo a tre voci che diventa un “tascabile manifesto dello scombussolamento”. Perché siamo tutti, in fondo, un po’ “scombussolati”.

Nessun commento: