Post

Visualizzazione dei post da Giugno, 2016

Morto Luca Spoletini, storico portavoce Protezione Civile

Immagine
Morto Luca Spoletini, storico portavoce Protezione Civile

Dal terremoto di San Giuliano allo tsunami. Ora a #italiasicura






            (ANSA) - ROMA, 25 GIU - Luca Spoletini, per quasi dieci anni
portavoce del Dipartimento della Protezione Civile, è morto la
scorsa notte all'ospedale di Messina. Luca lascia la moglie
Caterina, il figlio Francesco di nove anni e una bambina che
nascerà a settembre.
   Spoletini, 49 anni, era stato ricoverato la settimana scorsa:
si era sentito male a Lipari, in seguito al riacutizzarsi della
malattia autoimmune con cui conviveva da anni. Dall'isola delle
Eolie, dove vivono i genitori della moglie e dove era andato
proprio per accompagnare i suoi familiari, è stato
immediatamente trasferito all'ospedale Papardo: nonostante tutti
gli sforzi dei medici, ieri mattina il quadro clinico è
peggiorato e nella tarda serata il cuore di Luca si è fermato.
   Il nome di Luca comincia a circolare tra i giornalisti nel
2000, quando entra nella squadra del…

Fotografia: Gioia & Rivoluzione riflessioni sulla nostra vita

Immagine
Despedida ©Luciano del Castillo «Questo luogo esiste non per star comodi ma per sentirsi liberi»: l’affermazione scritta con il gessetto sulla lavagna nera, alle spalle di una ragazza riflessiva deve certamente molto agli insegnamenti di José Martí, fondatore del Partito rivoluzionario cubano e considerato a Cuba non solo un eroe ma un maestro di vita e di pensiero. Per lui, l’istruzione e l’educazione servivano a rendere cittadini ed esseri pienamente umani e liberi («dall’indipendenza degli individui dipende la grandezza dei popoli»), insegnando loro che la felicità non si riduce al benessere materiale, all’uso inutile e consumistico di oggetti. Negli Stati Uniti – e già allora! – Martí osservava che «non si vede la vita come il gioco dialettico fra le necessità che tendono ad abbassare e le aspirazioni che elevano, ma come una bocca aperta, un gioco d’azzardo nel quale vince solo il ricco»; del resto, diceva anche,«mucha tienda poca alma» (molta merce poca anima).
Insomma: l’opposto …